Lo scempio di Strozzacapponi… quando una rotatoria vale più della maggiore necropoli etrusca in Umbria

screenhunter_01-mar-16-2339

Questo post è dedicato ad un recente sopruso all’antica civiltà degli Etruschi, raffinati e goderecci antenati degli abitanti della RPMN da parte del malgoverno dell’odierna casta politica della calce e carrello.

Per chi non è della zona, Strozzacapponi è una piccola frazione dal simpatico nome alla periferia del comune di Perugia. Appena qualche kilometro fuori dai confini settentrionali della RPMN.

Da molti decenni è famosa perchè come si fa un buco in terra si scoprono tombe etrusche come fossero radici di gramigna. Tragicomico era il caso delle tombe etrusche “visitabili”… nel piano interrato di un CrossConad.

No! No ragazzi/e! non vi stiamo prendendo per il culo… durante la costruzione del supermercato erano state scoperte delle tombe etrusche… “logicamente” i lavori di costruzione erano andati avanti nel “rispetto” del sito.

Infatti, se oggi si vogliono visitare le tombe nel piano interrato bisogna passare alla cassa per chiedere le chiavi al proprietario (nel male… bisogna riconoscere un bene rispetto alle centinaia di tombe sicuramente cementate e perdute per sempre durante l’edificazione selvaggia nella piccola frazione).

A questa situazione paradossale se ne è aggiunta un’altra a dir poco “apocalittica”.

Durante i lavori comunali di scavo per la realizzazione di una mega rotonda – prospiciente al suddetto CrossConad – sono state trovate non 2 o 3 tombe (facilmente cimentabili) ma 47 tombe etrusche risalenti al 3° sec. prima del sor Jesus.         Solo questo ritrovamento in un piccolo fazzoletto di terra ha fatto capire – un pò tardivamente – alla Sovrintendenza che si era di fronte ad una delle più grandi necropoli etrusche dell’ Umbria.

Passando di lì quasi tutti i giorni, i cittadini della RPMN ed il Soviet Supremo omaggiavano con orgoglio e rispetto i goliardici antenati. Purtroppo qualche giorno fa abbiamo notato un riporto di terra sopra le tombe, e una notizia ci ha fatto imbestialire….evil

Il 22 febbraio scorso, dopo le inutili assicurazioni dell’assessore Boccali della giunta perugina al Comitato sorto a difesa della necropoli di Strozzacapponi, sono intervenute le ruspe a coprire di terra tutto ciò che era venuto alla luce. Tutto sembra pronto per ricoprire di catrame la Necropoli, a lode e gloria della rotonda e dell’ideale della calce e carrello. Ecco qua l’articolo sdegnato del Comitato sorto a difesa della Necropoli che denuncia quanto accaduto.

Il Soviet Supremo della RPMN ha solo due parole per descrivere la situazione:

SEMPLICEMENTE VERGOGNOSO!

Se le colate di asfalto avverranno, saremo felici di accogliere ai lavori forzati nel Gulag di Pieve Caina (benché fuori della Repubblica) tutti i politicanti, amici dei massoni e fautori degli ideali della Calce e Carrello! Per le cui menti ottuse, il solo sviluppo possibile è quello che passa attraverso il cemento!

Ecco qui e qui e qui articoli che descrivono l’importanza della scoperta, passata praticamente sotto silenzio dei media locali.

P.S.: Non osiamo immaginare ciò che abbiano potuto trovare durante i lavori di scavo del minimetrò… tanto per la posta in gioco non si sarebbero fermati neanche avessero trovato la civiltà perduta di Atlantide!

*leggi il disclaimer nella colonna destra della home prima di lasciare commenti

Annunci

2 Risposte to “Lo scempio di Strozzacapponi… quando una rotatoria vale più della maggiore necropoli etrusca in Umbria”

  1. cristian mattioli Says:

    propongo un attacco simultaneo delle forze lagunari in esilio guidare dal compagno Mezzasoma e delle forze metropolitane della RPMN che convergendo da sud e da ovest stringano Srozzacapponi in una tenaglia di fuoco com massiccio impiego di frombole ( fionde ) e cerbottane.
    annettere la irridente frazione corcianese alla gloriosa e facinorosa repubblica marscianese del nord è l’unica, estrema , soluzione per salvaguardare le testimoniaze della laboriosa cultura dei compagni etruschi nelle nostre valli.
    viva il socialismo in un solo piccolissimo ma aggressivo stato.

  2. In effetti un piano di intervento militare è già in queste ore al vaglio del Consiglio/Soviet Supremo della RPMN.
    Ti ringraziamo per i consigli compagno Cristian. Nonostante l’alta tecnologia e preparazione dell’Armata Rossa Marsciano Nord (ARMN), non avevamo pensato ancora all’utilizzo delle cerbottane in battaglia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: