La LOMO… orgoglio sovietico

Per la gioia del Ragazzo Strambo, abitante di Casapiddu, oggi ci occupiamo di un marchingegno a lui molto caro.

Parliamo della Lomo, la macchinetta fotografica dall’aspetto “giocattolesco”.

dia_a

I vari modelli di Lomo, e la Lomografia in genere, sono ora diventate un fenomeno cult nel mondo, per l’originalità delle foto ottenute con questo apparecchio e per la parola d’ordine “non pensare e scatta”che inspira i lomografi.

Le foto realizzate sono caratterizzate da immagini dai colori ipersaturi (simili alle nostre foto di famiglia degli anni ’70-’80) e dal cosiddetto “effetto tunnel” (per la sottoesposizione ai bordi rispetto al centro della foto).

lomolca_photo

foto scattata con una Lomo

Pochi sanno però che Lomo sta per “Leningradkoje Optiko Mechanitscheskoje Objedinenie”. Tutto inizia nella madre URSS dei primi anni ’80, col Generale Sovietico Igor Petrowitsch Kornitzky, braccio destro di Michail Panfilowitsch Panfiloff, allora Ministro della Difesa e dell’Industria, nonché direttore della LOMO, famosa fabbrica ottica e fornitrice dell’Armata Rossa.

screenhunter_01-dec-04-1455

<!–[if gte mso 9]> Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4 <![endif]–><!–[if gte mso 9]> <![endif]–>il compagno generale Kornitzky al lavoro

L’idea base del compagno Kornitzky è quella di costruire una macchina fotografica di buona qualità e alla portata di tutti. Progetta così l’obiettivo con una lente molto sensibile alla luce e assembla la fotocamera in plastica molto robusta.

Il costo contenuto ne determina la diffusione in tutte le famiglie sovietiche, con modelli omologhi in tutti il mondo comunista.

Pur diventando oggi un fenomeno di costume, la Lomo insieme a tanti altri prodotti (sebbene all’interno di un sistema di pianificazione spesso contraddistinto da sprechi e da una eccessiva “farraginosità”) rappresentano bene la filosofia produttiva sovietica di trasferire le conquiste tecnologiche a tutta la popolazione con prodotti poco costosi, efficienti e praticamente indistruttibili.

Annunci

3 Risposte to “La LOMO… orgoglio sovietico”

  1. sì bella. Ma che qualcuno la butti fuori dalla mia camera.

  2. Ciao, sto cercando disperatamente delle foto scattate proprio negli anni ’80 dal popolo sovietico..per testimoniare la grandezza del loro Stato.
    Mi servono per una ricerca che sto facendo sulla Lomo nei suoi primi anni di vita, prima di diventare l’oggetto feticcio della società consumistica che noi tutti oggi conosciamo. Per caso sai consigliarmi qualche sito/archivio dove posso trovare delle foto dell’epoca?

    • Ciao Silvia,
      al momento non so darti consiglio, ma ora chiedo a qualche amico fotografo. Nei prossimi giorni ti faccio sapere.
      Da poco ho trovato un sito che raccoglie canzoni, discorsi e poster dell’era sovietica. Cho fatto proprio l’ultimo post
      https://rpmn.wordpress.com/2009/10/23/la-madre-russia-non-tradisce/
      Trovare una cosa simile con una raccolta di foto in lomografia mi piacerebbe!
      Stai connessa che se trovo qualcosa te lo faccio sapere.
      Complimenti per il tema di ricerca!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: