Eurochocolate 2008: Quando la merda diventa cioccolato (Travaglio docet)

Perugia 18-26 Ottobre 2008:

Presidi della protezione civile ovunque.

Traffico congestionato fino a 10 Km dal Centro Storico.

Un parcheggio neanche a pagarlo in oro.

Frotte di allupati in cerca di un tocco di cioccolata gratis.

No, questo non è il set cinematografico di un film apocalittico ambientato a Perugia. E’ solo Eurochocolate. O come sono soliti chiamarla i perugini la “festa dla cioccoleta”.

“Ariecco sta sega de eurocioccolet!… ho capito per 10 giorni non tocca gi (andare) n’centro”

Dieci giorni in cui i perugini DOCG – un pò da orsi come è nel vero spirito perugino – lasciano il centro in mano alle marmaglie di turisti o semplici gozzoni seriamente impegnati in interminabili file per deglutire cioccolata che potrebbero comprarsi nel supermercato sottocasa, fino ad essere colti da cacarella fulminante.

Un evento prettamente commerciale e d’immagine. Gli studi dell’Università di Perugia parlano di un transito di circa 1.000.000 di persone nei complessivi 10 giorni. Si tratta però di un turismo “mordi e fuggi”, appunto da “allupati del cioccolato agratis”, di queste infatti, solo 2000/3000 sono da considerarsi turisti che rimangono a Perugia finanziando l’indotto turistico.

Da sottolineare anche la filosofia con il quale l’organizzazione di Eurochocolate tratta i lavoratori occasionali ingaggiati per l’evento. Questo migliaio di poveri disgraziati reclutati prettamente tra studenti poveri in canna, ma anche da residenti che ci vanno perchè fa figo e che così possono sputtanare la paga al matrioska (lo dico perchè ne conosco qualcuno), che vengono pagati 3 Euri l’ora (quando andavo a vendemmiare il più strozzino dei padroni non mi ha mai pagato sotto i 5 euro).

Inoltre, dulcis in fundo, da contratto sono obbligati a non rilasciare interviste, né a dichiarare in pubblico quanto prendono.

Intanto in corrispondenza di eurochocolate continua oramai da diversi anni a Gubbio anche un’altra rassegna sui prodotti della pianta del cacao.

Si tratta di “Altrocioccolato” organizzata dall’Associazione Equosolidale e dal Comune di Gubbio dedicata al cioccolato importato attraverso i canali del commercio equo e solidale.

Per finire guardatevi due bei video, uno è un servizio del TG3 Umbria su Eurochocolate e l’altro è “Taxi Fraido”, un’esilarante ridoppiaggio in perugino di “Taxi Driver” firmato Apomatto che ben spiega come viene sentita la manifestazione di eurochocolate dai perugini DOCG.

*leggi il disclaimer nella colonna destra della home prima di lasciare commenti

Annunci

Una Risposta to “Eurochocolate 2008: Quando la merda diventa cioccolato (Travaglio docet)”

  1. gnomo malefico Says:

    cfr. l’articolo di Ascanio Celestini “Pornoccioccolata”
    http://www.umbrialeft.it/node/10969

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: