Il Terrorismo yankee ci riprova in Bolivia

Mentre la stampa occidentale è ancora intenta a questionare sull’illegittimità delle dichiarazioni d’indipendenza di Ossezia del Sud ed Abkazia – due territori che sono di fatto indipendenti dalla Georgia già da 16 anni – silenzio completo sull’ennesimo tentativo di golpe statunitense in Sudamerica.

Il presidente boliviano, l’Indio Evo Morales, democraticamente eletto nel 2005, ed il cui appoggio popolare è stato riconfermato con il 70% dei consensi durante il Referendum revocatorio dello scorso agosto, deve fronteggiare il golpe del prefetto secessionista Costas.

Dopo la batosta al referendum dello scorso agosto, il prefetto golpista, che può godere di ingenti finanziamenti statunitensi (nel solo 2007 ha ricevuto 124 milioni di dollari), negli ultimi tre giorni ha dato il via ad azioni terroristiche per mano di forze paramilitari causando la morte di 15 contadini oltre che il danneggiamento del gasdotto del paese.

Potrebbe sembrare il normale copione della politica a stelle strisce in Sudamerica.

Stavolta però queste merde non hanno trovato mano libera come negli anni ‘80. Il governo boliviano è stato assicurato da Argentina, Brasile, Cile e Venezuela – i sostenitori dell’integrazionismo sudamericano – che non riconosceranno alcun governo golpista.

Il governo boliviano ha intanto rispedito a casa a calci in culo Philip Goldberg – l’ambasciatore usa in Bolivia – che in questi giorni aveva segretamente incontrato il prefetto golpista Costas.

Lo stesso ha fatto il Venezuela.

Proprio una brutta aria in Sudamerica per gli yankees, sarà per questo che cercano nuove colonie nel Caucaso?

Il Soviet Supremo della RPMN concorda con il pacato giudizio di Ugo Chavez sulla vicenda:

“Questo è troppo, yankees de merda!”

*leggi il disclaimer nella colonna destra della home prima di lasciare commenti

Annunci

2 Risposte to “Il Terrorismo yankee ci riprova in Bolivia”

  1. che stronzi…
    e ancora più stronzo chi non dice niente…

  2. Si sa Ema… il Sudamerica non fa notizia se non per inventare cazzate su chi non è allineato agli usani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: