Kassim… cittadino italiano rapito e torturato dalla CIA

Il suo nome è Abou El Kassim Britel. Cittadino italiano di origine marocchina sposato ad un’italiana, che risiede e lavora come muratore a Bergamo dal 1989. Da 5 anni è “sparito”.

Vittima delle extraordinary rendictions della CIA, voli segreti per il trasporto di persone sequestrate, con cui gli yankee cagano in testa a diritti umani fondamentali e sovranità nazionale di stati come l’Italia.

Ma veniamo ai fatti. Durante il suo soggiorno in Pakistan, il 10 marzo 2002 viene fermato dalla polizia a bordo di un taxi. A causa del suo passaporto italiano, considerato probabilmente un falso, viene immediatamente arrestato.

Sequestrato e torturato, senza alcuna accusa fondata, viene interrogato da agenti americani che, oltre a negargli qualsiasi contatto con l’Ambasciata italiana lo caricano su un aereo americano per sbatterlo nella prigione lager di Témara in Marocco (ben descritta da un rapporto di Amnesty International) dove viene detenuto e torturato in segreto per 8 mesi.

Rilasciato l’11 febbraio 2003 perché nulla è stato trovato a suo carico, gli viene negata la restituzione del passaporto.

Mentre sta per tornare in Italia, dopo gli attentati di Casablanca, viene arrestato nuovamente nel maggio 2003.

Dopo altri quattro mesi di torture viene processato e condannato a 15 anni, poi ridotti a 9, per “costituzione di banda criminale armata” ed incarcerato, dove si trova tuttora, innocente, nel carcere di Salé.

Nonostante interpellanze parlamentari ed esternazioni di solidarietà da parte del governo italiano niente è stato fatto per tutelare i diritti fondamentali di cittadino italiano e di essere umano, violati dall’arroganza imperialista americana.

Gli amici della Repubblica Popolare Marsciano Nord sono invitati a sottoscrivere (cliccate qui) la petizione in linea a sostegno di Kassim e della sua liberazione, rivolta al Governo italiano, Commissione europea e Parlamento europeo.

Per saperne di più andate su questo sito www.giustiziaperkassim.net

*leggi il disclaimer nella colonna destra della home prima di lasciare commenti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: