Ucciso da neofascisti – tutto ok – per fini non è poi così grave

Ucciso a 29 anni per aver rifiutato una sigaretta a cinque luridi neofascisti. E’ così che si può morire oggi in Italia. Nicola Tommasoli alla fine non ce lha fatta.

Al posto suo poteva esserci chiunque altro in questo paese di merda.

Sicuramente se fosse stato un albanese o un rumeno, sarebbe passato del tutto inosservato. Il secolo decimonono ha fatto meglio. In questi giorni non è uscito neanche un articolo online sull’intera faccenda.

Dei cinque delinquenti che lo hanno ucciso sappiamo già i nomi: raffaele dalle donne, guglielmo corsi, andrea vesentini, “peri” e “tarabuio”. Tre di loro sono stati arrestati, altri due, da bravi fascisti, stanno ancora scappando, sembra all’estero. Eccole questi “bravi ragazzi”:

Il Soviet vi augura di crepare in galera, ma venendo da famiglie bene sappiamo già che ve la caverete giusto con qualche annetto, uscendo per buona condotta.

Ciò che è più disgustoso, con un morto ancora caldo, sono le dichiarazioni di fini. Questo rinnegato fascista, oggi Presidente della Camera, ha avuto il coraggio di dire che “i fatti di Torino [contestazione antisraeliana alla fiera del libro] sono molto più gravi di ciò che è accaduto a Verona”.

No comment. Il Soviet è troppo furioso.

Annunci

22 Risposte to “Ucciso da neofascisti – tutto ok – per fini non è poi così grave”

  1. Ricordo che fini, quando le iene fecero un servizio sulla sua nuova compagna, nonche’ futura madre di suo figlio, fece un macello solo per una stupidata, nessuno ha toccato la donne con un dito e fece un macello di cristo, ora, vorrei vedere se il ragazzo cosi brutalmente assalito e infine morto fosse stato suo figlio, e’ un COGLIONE come lui perchè se una volta lo si poteva reputare una persona intelligente, ora penso solo che sia un COGLIONE altro che idiota, nello stesso giorno in cui suo figlio sia morto per colpa di percosse per non aver offerto una sigaretta, dica che è piu’ importante una bandiera a una stupidissima mostra che a quel che e’ accaduto, vorrei vedere come reagisce, fini sei un ipocrita, che tuo figlio nasca diverso, che imbocchi il tunnel della droga e che venga ucciso da 5 teppisti che incitano DUCE DUCE DUCE mentre lui agonizza per terra, poi ne riparliamo.

  2. Martina Says:

    Oggi nn è giorno di lotta, ma di silenzio…un’altro nome nella lunga lista di amici assassinati…mano fascista, nazista o delle forze dell’ordine comunque continuano indisturbare a mietere vittime…un tempo la rieazione era la ribellione, la vendetta, l’azione…il tutto senza portare a soluzione alcuna…chi scarcerato chi in libertà vigilata chi con pochi mesi da scontare…
    tutto si perde in un ricordo lontano e mai vendicato
    ho anocra in mente ogni singolo viso che riporta impresse le urla di dolore dei famigliari…quelle espressioni così lontane sembrano nn toccarci se nn quando coinvolti da conoscenze in comune…
    è nostra la colpa quando un ragazzo arriva a considerarsi importante per il numero di vittime che riesce a picchiare…i genitori sn colpevoli di nn aver impartito i giusti valori…ma quando è il sistema politico a stappare i figli ai proprio genitori e proiettarli in una realtà dove politica violenza ed estremismi sn gli unici valori per cui combattere, allora contesto l’amministrazione cittadina che pur avendo nomi e congnomi dei skin (che nn necessariamente portano piu la testa rasata) li hanno lasciati liberi, concedendo loro di ripulire secondo i loro paramentri le strade di Verona.

    Grazie Tosi, se nicola nn ce piu è anche per colpa tua…
    sorridi pure, passerà anche questa e i tuoi elettori con un paio di messaggi pubblicitari e volantini ti ameranno come prima, ma mi auguro che almeno qualcuno capisca che NICOLA POTEVA ESSERE IL LORO FIGLIO uscito da una serata in città….O MAGARI IL TUO…

    Nicola nel cuore

    MB

  3. Ragazzi, la morte di Nicola non si basa su motovazioni politiche. Ricordatelo! Cosa centra qui se erano di destra o di sinistra?? Qui si parla solo di pura arroganza!!! Secondo me erano un po’ ubriachi i ragazzi.. si sono incrociati e hanno esagerato con le parole.. di qui le botte.. furiose.. brute.. erano in gruppo.. si sono fatti trasportare dal pathos.. imperdonabile.. perchè l’uomo prima è razionalità.. ma non credo proprio che questi cinque ragazzi abbiano meditato di ucciderlo.. hanno purtroppo esagerato.. Stiamo vicini alla famiglia di Nicola e ai genitori dei 5 ragazzi.. Cmq io sono molto offesa riguardo a quello che è stato detto ieri sera su tg 3 sulla nostra bellissima Verona.. Che Verona è una delle città col un reddito pro capite alto, poichè i veronesi sono molto dediti al lavoro trascurando la cultura.. e si basano molto sull’apparire.. Ma che dicono???? Per studiare occorrono soldi, e questi non crescono sugli alberi.. Poi mica per forza dobbiamo essere tutti laureati.. Altrimenti che mondo sarebbe?? Scusate su Milano, città della moda per eccellenza, cosa dovrebbero dire allora?? … Ed il Vescovo di Verona che ha detto?? Verona è ormai una città invivibibile.. Non me ne ero accorta!! Io vado in bici in stazione alle 5 di mattina.. Ed uso il bus in tutte le ore.. e non mi e mai successo nulla.. nessuno mi ha mai fermata..cosa che mi capita spesso in altre stazioni e città.. Assurda la presenza del preside del Maffei ieri sera a tg5.. disse che Raffaele Delle Donne era ripetente, dunque i genitori dovevano già preoccuparti che il figlio avesse qualche problema.. Preside ogni scusa è buona per pubblicizzare il Maffei vero?? La quarta superiore è la piu’ difficile, poi il classico è una scuola molto impegnativa.. Non ti sei chiesto se non avesse piu’ voglia di studiare?? succede a molti a quell’età.. poi è plausibile, perchè spesso la scuola superiore la scelgono i genitori.. Oppure disse che i genitori di Raffaele si dovevano preoccupare quando in gita in Germania il figlio si rifiutò di entrare in una sinagoga.. Ma chi se ne frega!!! Ognuno è libero di scegliere cosa visitare o meno di un paese.. Se lui fosse stato un musulmano avrebbero cosi’ pesano questo fatto?? Mai dai.. Giornalisti del cavolo!!!! Dovete la dare la notizia in modo oggettivo senza commentare!! Il vostro commento non ci serve!! Abbiamo solo il bisogno di essere informati.. il commento poi lo aggiungiamo noi con la nostra razionalità.. Avete tutti dilagato troppo su particolari inutili della vita di questi cinque ragazzi perchè non c entrano niente con la morte di Nicola.. Anche perchè la digos possedeva le foto e le segnalazioni riguardo ad una violenta manifestazione di estrema destra accaduta 2 anni fa solo di un ragazzo, non di tutti e 5.. Devono essere puniti per quello che hanno fatto la notte del 30 aprile e non per quello che sono o hanno fatto prima, che sono semplici cazzate che fanno tutti i ragazzi dicianovenni, soprattutto di sesso maschile, che fanno gli sbruffoni e seguono il gruppo.. Ma non si fa di un erba un fascio!!!! Verona è una città bellissima.. I giornalisti ( tutti di sinistra) pompano i particolari solamente perchè Verona è in mano della destra.. Cari giornalisti dateci la notizia sul pestaggio e il risultato dell’autopsia, non aggiungente altro per favore.. Qui non si parla di politica ma di bullismo.. Rispettate i genitori di Nicola, quelli dei cinque ragazzi e tutti i Veronesi.. Non c è altro la dire.. Dobbiamo solo stare uniti in questo grande dolore..

  4. Cara Laura,
    quando uno picchia chiunque sia diverso da te la questione è sempre politica.
    La tolleranza è un ideale politico.
    Non ha importanza se questi ragazzi fossero o non fossero ubriachi come ipotizzi tu. Una cosa è un cazzotto, un’altra cosa è massacrare in cinque un ragazzo inerme a terra.
    Cose del genere le possono compiere solo persone che sono cresciute con valori di intolleranza ed odio.
    Dici di rispettare i genitori dei picchiatori? Neanche per il cazzo. E’ anche loro la responsabilità di ciò che hanno fatto i loro figli, fregandosene degli ideali che seguivano.
    Avrei voluto vedere la reazione del vostro sindaco leghista se l’aggressore fosse stato uno straniero.

  5. Martina Says:

    Laura cara, vedi forse nn hai capito che alcuni di questi stessi tizi poco piu di un anno fa erano stati coinvolti in inchiesta dove saltarono fuori MAZZE CATENE TIRAPUGNI COLTELLI ed altro.
    Quindi penso che l’alcool sia una tua sopposizione mossa da compianto per questi giovani deboli che si sn fatti forviare la testa dai vecchi capoccia della curva.. sono maggiorenni e nn hanno bisogno di protezione quindi nn giustificarli…poteva capitare a tuo moroso tuo amico o tuo figlio…sarebbe cambiata la tua idea?
    Il pestaggio è stato POLITICO, vs persone apolitiche, ma resta pur sempre una morte frutto dell’ESTREMISMO politico…

    Questo tuo nn riconoscerlo porta poco rispetto alla scomparsi ingiustificata di un giovane ragazzo…
    conoscendolo ti assicuro la sua TOTALE estraneità alla sinistra e il suo ripudio alla violenza anche quando ricevuta,lui se ne estraneava, andava al trove per nn scendere alle mani…

    questa volta,questi assassini, nn gliene hanno dato il tempo.

    MB

  6. Martina Says:

    e comunque nn so dove vivi tu, ma a me verona mi fa vergognare in continuazione e nn per extracomunitari (che infatti come dici tu stanno alle regole) o per spacciatori e drogati (problemi marginati o peggiori in altri capoluoghi) ma per la mentalità veronese chiusa e bigotta che penso solo a se e all’apparire…questo lo si vede in tutto, negare è ipocrisia…verona è la mia città, ha il mio cuore, ma i veronesi (la stragrandemaggioranza nn tutti) sn solo poveri alcolizzati da osteria che pensano al macchinone, all’hellas e al marucchino che gli fotte il lavoro quando in realtà grazie agli extracomunitari il nord est è rimasto competitico a livello nazionale ed ha da lavorare ancora (imprenditori sfruttano lavoro a basso costo)…
    ma questo è un’altro discorso…

    MB

  7. Antifa VR Says:

    Nella notte tra il 30 aprile e 1 maggio a Verona, in pieno centro, un gruppo di fascisti di Forza Nuova ha pestato brutalmente un ragazzo di 29 anni di nome Nicola riducendolo in fin di vita e in coma irreversibile. L’unica “colpa” del ragazzo è stata quella di rifiutare una sigaretta e non accettare l’atto arrogante e intimidatorio dei 5 neofascisti, un pretesto già usato in altre aggressioni per dare il via al pestaggio. Queste squadracce di nazi fascisti è oltre 3 anni che scorrazzano impunemente per il centro di Verona aggredendo, picchiando, derubando e accoltellando chiunque sia “diverso” : l’immigrato, il comunista, l’anarchico, quello con i capelli lunghi o con l’orecchino…. l’importante è fare “pulizia” nella “loro” città. La loro ferocia è rivolta a chiunque non entri nei loro canoni estetici o non sia immediatamente pronto ad abbassare lo sguardo e cambiare velocemente marciapiede al loro passaggio. Ricordiamo che da anni sono avvenuti pestaggi a danno di compagni/e, accoltellamenti a militanti antifascisti e una miriade di aggressioni e furti a ragazzi e ragazze solo perché avevano un Kebab in mano o perché semplicemente non gli piacevano ed erano nel “loro” territorio. La polizia, e in primis i carabinieri di Verona con la complicità della stampa e della televisione asservita e obbediente, per tre giorni hanno tentato in tutti i modi di coprire la matrice politica di estrema destra e hanno materialmente dato la possibilità ai fascisti assassini di poter scappare all’estero e nascondersi.
    Questa continua copertura a Forza Nuova, a Fiamma Tricolore, Veneto Front, altri infami nazi fascisti e beceri razzisti, a Verona, è possibile grazie ad una serie di coperture date dal fatto che una buona parte di questi lerci individui appartengono a quella che viene definita verona bene, l’elite della verona che sfrutta e produce. Con l’avvento del sindaco Tosi i paladini della verona pura hanno trovato piena legittimità vedendo lo stesso aprire i loro cortei segnati da slogan neonazisti e a selve di braccia tese. Gli slogan lanciati dallo stesso sindaco Tosi e la sua cricca fascista che lo appoggia e lo sostiene anche in consiglio comunale con Andrea Miglioranzi e vari fascisti ripuliti di Alleanza Nazionale, non sono altro che l’appoggio a queste infami squadracce, che hanno il compito di ripulire dove polizia e i vari sgherri al soldo dello stato e del comune non possono arrivare. Questo delirio sicuritario delle ronde e delle squadracce è figlio della mentalità Leghista e dell’estrema destra che ha sempre sostenuto attivamente il sindaco Tosi. Queste aggressioni e l’assassinio di Nicola rispondono alla mentalità leghista e fascista che ormai da anni ha sviluppato la maggior parte dei “bravi” e “onesti” cittadini veronesi, che con sbirri, prefetti, e istituzioni locali, hanno dato carta bianca a questi gruppi di nazisti balordi, in nome della sicurezza e della “pulizia cittadina” e dell’eliminazione di ciò che non è uniforme.
    Le istituzioni e le sinistre revisioniste riformiste hanno creato questi mostri che si sentono investiti del potere di stabilire le regole nelle città, dove la parola sicurezza significa persecuzione del diverso, mentre nello stesso territorio quella che manca è la sicurezza sul posto di lavoro, che porta a continue tragiche morti, per il profitto della classe padronale dalla quale provengono gli stessi assassini fascisti di Nicola.

    Morire ancora per mano fascista ad oltre sessant’anni dalla liberazione non deve essere tollerato! Ci appelliamo a tutte le realtà antifasciste ad autorganizzarsi per stroncare queste formazioni fasciste che tutt’oggi aggrediscono ed uccidono.

    Seguiranno informazioni.

    ANTIFASCISTI/E VERONESI

  8. Aspettiamo nuove Compagna,
    anche per la manifestazione che sicuramente ci sarà sabato prossimo a Verona.
    Questi squadristi possono minacciare quanto vogliono ma non chineremo più la testa di fronte a queste merde.

  9. Vorrei anch’ io ringraziare il presidente Fini per il suo intervento brillante e appropriato. Da uno del genere e dai suoi amici del pdl che ci si può aspettare!!
    Estrema soledarietà alla famiglia di Nicola!!

  10. Provo tanta pena per queste giovani vite spezzate. Sia per la vittima che per i 5 ragazzi che sono marciti prima di maturare. E’ tutto molto triste. Ho due figli pressapoco della loro età (24 e 28 anni) e sento dolore solo a pensare di trovarmi nella situazione dei genitori di tutti e 6 i ragazzi. La mia più sentita solidarietà ai genitori di Nicola. Ma come vi sentireste se i vostri figli avessero ucciso qualcuno in quel modo? La responsabilità è pur vero in parte della famiglia, ma anche dei cattivi esempi forniti dalla società e, ma questa è solo una mia opinione, anche della scuola che ha l’incarico e l’obbligo di forgiare i futuri adulti, che deve non solo istruire ma educare e insegnare i veri e sani valori della vita, primo fra tutti il rispetto per il prossimo e per se stessi. Attenzione, questa non è assolutamente una giustificazione! I fatto rimane estremamente grave e intollerabile, sia che venga da destra che da sinistra o dal centro. Spero solo che dalle fazioni opposte non si risponda nello stesso modo, sarebbe altrettanto grave e intollerabile. Gli estremismi sono SEMPRE pericolosi

  11. I tanto temuti Centri Sociali non hanno mai compiuto rappresaglie.
    Non ci fu rappresaglia quando nel 2003, sempre da dei neofascisti (padre e figlio), fu ucciso Dax a Milano; e nemmeno quando nel 2006, sempre dei neofascisti, assassinarono Renato Biagetti.

  12. A parte il fatto che dialogare con un “Soviet” è ridicolo.. primo perchè i soviet sono morti e sepolti con la russia staliniana, secondo perchè non vuoi nè ti interessa ascoltare.. Papalia stesso (magistrato, di sinistra) ha detto che non vi è alcuna connotazione politica nel gesto.

    >ma venendo da famiglie bene sappiamo già che ve la caverete giusto con qualche annetto, uscendo per buona condotta.

    Come del resto fanno i pedofili che escono dopo un anno e tutti quelli che finiscono in galera al giorno d’oggi. Cos’è, il “soviet” è diventato giustizialista? Ma perchè non vota destra allora, dato che la certezza della pena sta proprio nel nostro programma? E come si sente il Soviet ricordando che l’indulto è stato votato proprio dai suoi esponenti politici (e non dai miei – Lega)?

    Ritornando al tema, nessunamatrice politica,ma se poi vuoi strumentalizzare un fatto di cronaca, allora prego, fa pure. Basta che i lettori lo sappiano. Inoltre ci tengo a sottolineare che due dei 5 “nazi-non nazi” non erano di Verona ma di un comune amministrato dalla sinistra. Se sosteniamo che il risultato è il clima creato dalla detsra tramite l’amministrazione, vogliamo quindi sostenere che anche la sinistra avvalla e favorisce il neo-nazismo?

    >La tolleranza è un ideale politico.
    Esatto, trasversale. Solo voi credete che VOI predichiate l’intolleranza e GLI ALTRI predichino l’intolleranza. Tolleranza verso chi lavora, si integra, produce, rispetta le regole. Intolleranza e repressione (tu stesso parli di pene e galera) per chi delinque. Questo vale TRASVERSALMENTE per la sinistra e la destra. La cosa divertente è che credendo che voi siate geniali e GLI ALTRI siano tutti razzisti xenofobi realizzate esattamente la chiusura intollerante che rimproverate agli altri.. la realtà spesso è ironica.

    >quando in realtà grazie agli extracomunitari il nord est è rimasto competitico a livello nazionale ed ha da lavorare ancora

    A parte che non si sa csa voglia dire “competitico”, ma a sostenere questa peculiare tesi quali dati ci sono? Ovviamente molte aziende hanno assunto ed assumono operai extracomunitari, ma derubricare il successo dell’industria del nord-est e del nord-ovest a “frutto della fatica degli immigrati” significa non aver la più pallida idea dei dati, della storia economica, dell’evoluzione e della situazione attuale dell’imprenditoria lombardo-veneta. Ci vorrebbero meno slogan e più cultura, statistiche, numeri.

    Per finire, per quanto riguarda invece le dichiarazioni di Fini: sono in disaccordo sul porre in atto una graduatoria. Sono invece d’accordo sul punto tale per cui una cosa sono fatti isolati determinati da pochi esaltati appartenenti ad una ideologia morta e sepolta che non ha appoggi in nesun partito, un’altra è una contestazione politicamente appoggiata dai partiti. Contestazione che quindi esprime un’ideologia intollerante ATTUALE, non residuale di un’ideologia PASSATA.

  13. 1) Il significato di Soviet è consiglio, se vuoi puoi cercare sul dizionario. Poco c’entra con Stalin.
    2) La destra italiana non è giustizialista ma populista. Il vostro leader è un mafioso diventato ricco grazie a favori politici, massonici e mafiosi. Quindi non so come fai a parlare di giustizia. Durante i passati cinque anni di governo Berlusconi non c’è stata la certezza della pena ma l’esatto contrario.
    3) Non sono miei esponenti politici, quelli che hanno votato l’indulto. Voluto non per la delinquenza comune ma per salvare il culo a chi aveva commesso gravi reati finanziari. Tutti amichetti del pdl e pd.
    4) Tu hai scritto “Esatto, trasversale. Solo voi credete che VOI predichiate l’intolleranza e GLI ALTRI predichino l’intolleranza. Tolleranza verso chi lavora, si integra, produce, rispetta le regole. Intolleranza e repressione (tu stesso parli di pene e galera) per chi delinque. Questo vale TRASVERSALMENTE per la sinistra e la destra. La cosa divertente è che credendo che voi siate geniali e GLI ALTRI siano tutti razzisti xenofobi realizzate esattamente la chiusura intollerante che rimproverate agli altri.. la realtà spesso è ironica”
    Il tuo italiano semmai è ironico.
    Non si pratica la tolleranza per gli stranieri che lavorano con magliette che insultano le altre religioni, spargendo urina su terreni dove verrà costruita una moschea, e tutte le altre innumerevoli porcate di borghezio, calderoli e C.
    5) Che cazzo c’entra che il comune dei 5 era di sinistra? Ha responsabilità chiunque tolleri le violenze continue di questi groppuscoli neofascisti. Come ha fatto il sindaco di Verona e qualsiasi altro.
    Quando alcuni giovani del Centro Sociale “Chimica” furono accoltellati da nazi, sempre a Verona, il sindaco andò a trovare gli accoltellatori in carcere, dicendo che due anni per questi reati erano troppi.
    Questo passo che citi dove l’ho scritto? > ”quando in realtà grazie agli extracomunitari il nord est è rimasto competitico a livello nazionale ed ha da lavorare ancora” .
    Te lo sei inventato credo.

    Hai ragione, sono proprio un intollerante. Non sopporto i razzisti, xenofobi e ignoranti.

  14. Bigo devo dire che con questo post hai creato uno scambio culturale tra il produttivo nord e la bella centro-italia…

  15. se fossi un leghista mi farei un po’ schifo.

  16. Ve le do io dati. Vivo in friuli: crescita regionale del Pil nel 2007 in assoulto più alta del paese. Provincia di Gorizia: la Fin Cantieri produce il 52% del Pil dell’intera provincia. 2.600 sono gli extracomunitari residenti a Monfalcone (compresi i bimbi), 1.800 i lavoratori impiegati alla Fincantieri. Il tasso degli infortuni sul lavoro per gli extracomunitari è quattro volte superiore a quello dei lavoratori italiani. La provincia di Gorizia per infortuni totali è seconda solo a quella di Taranto. In media, nel 2007, l’incidenza complessiva degli incidenti sul lavoro è stata di 1 ogni 11 lavorarori. Il 65% in più della media nazionale. Un infortunio su 11 lavoratori significa che la percentuale effettiva sale ancora perchè nel conteggio si considerano anche professioni come la mia, praticamente esente da rischi, in quanto sono docente universitario. La carenza stimata di mano d’opera nell’indotto cantieristico di Monfalcone per il 2008 è del 4,5%.
    Ritorno a Nicola. Quello di Verona non è un omicidio politico? Allora perchè li difende un avvocato appartenente a Forza Nuova? Ciao..

  17. Grazie per le puntualizzazioni Mauri,
    credo che il leghista sopra non possa più rispondere. Probabilmente ha finito le parole che conosceva.

  18. I leghisti siano i benvenuti. Altrimenti cosa facciamo? Continuiamo a raccontarcela tra di noi? Personalmente sono contrario alla masturbazione…

  19. appendiamoli a piazzale loreto questi 5 stronzi

    per i coglioni però….

  20. grazie mauri per l’inciso…chiaro e inequivocabile…esattamente ciò a cui facevo riferimento.
    A verona cmq commercianti del centro che hanno aderito al lutto per nicola ora raccolgono firme per denunciare per diffamazione ai danni di verona le trasmissioni come Chi la visto, L’infedele e Anno Zero…le uniche che hanno dato un quadro oggettivo e reale della situazione cittadina.

    Evitate false adesioni se poi di sto ragazzo vi interessa solo per l’immagine della vs, anzi nostra, merda di citta…

    sempre piu amareggiata…

    MB

  21. Vogliamo parlare di cosa sta succedendo a Roma? qualche giorno fa il raid al pigneto..
    oggi all’uscita dalla mensa ho trovato il finimondo..possibile che questi di Forza Nuova si mettono a tirare fuori spranghe e coltelli così facilmente?si sentono così protetti anche da farlo all’ora di pranzo all’entrata della città universitaria..
    qui si sta tornando indietro..qui si va verso il delirio…
    alla sapienza si respirano un’aria che prima non avevo mai respirato..è tutto drammatico..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: