2a puntata di “Flora e Fauna nella RPMN”: La Nutria

Torna a grande richiesta la rubrica dedicata alle bestie e bestiacce che popolano la RPMN.

In questa puntata, pungolati da un nostro lettore – Robespierre – che invitiamo a commentare nuovamente, ci occuperemo del Myocastor Coypus chiamato comunemente “nutria”. Ecco alcune foto del simpatico roditore.

 

nutria.jpgnutria7ott07-57.jpgnutria-f3.jpg

 

Originaria del Sud America, la nutria pesa da 5 ai 9 Kg per 40-60 cm. Negli ultimi decenni ha praticamente invaso tutto il corso del Sacro fiume Nestore, prediligendo i tratti prossimi agli scarichi fognari. La sua alimentazione preferita è grano, granturco e tutte le altre colture a foglia verde. Come potete intuire, i suoi gusti alimentari la rendono un animale molto amato, specialmente dai contadini:

“Sti maledetti… ta na sera [in una sera] m’hanno magnato metà campo de grenturco… aaahh ma se stasera artornano jel condisco io!… col piombo!!!”

Per quello che riguarda il quesito posto da Robespierre [nds: Nutria golpista?] dopo una lunga camera di consiglio il Soviet Supremo ha deliberato che, pur essendo un animale originario del progressista Sud America, il Sorcione non rispetta le forze produttive della RPMN, adottando uno stile di vita padronale e parassitario. Inoltre i nostri servizi informativi riportano che la popolazione nutriesca starebbe progettando un golpe sostenuto dal soldo delle lobbies statunitensi.

Perciò la RPMN riprende ad esempio la delibera della provincia di Modena [vera delibera provinciale, non è uno scherzo], degna di un progetto di sterminio di massa alla POL POT:

“con Deliberazione n. 101 del 22/03/2005 Specie da eradicare: nutria; Modalità di intervento: attività di sparo con fucile calibro 12, – 365 giorni all’anno e attività di cattura con gabbie selettive; Soggetti abilitati al controllo: Vigili Provinciali, coadiutori dei vigili provinciali nell’esecuzione dei piani di controllo della fauna, proprietari o conduttori di fondi agricoli in possesso di prevista licenza di caccia all’uopo autorizzati; Territorio interessato dal piano: tutta la Provincia”

Speriamo che il nostro cuoco Massbass riesca presto a trovare il modo di cucinare questo simpatico roditore!

Saluti dall’incontaminata RPMN!

 

 

 

Annunci

9 Risposte to “2a puntata di “Flora e Fauna nella RPMN”: La Nutria”

  1. incontaminata… e del nistore insudiciato da scarichi fantasma cosa mi dite? Ci sono forze politiche che evidentemente tollerano le nutrie…

  2. Salve Rambo,
    Per fortuna il tratto nella RPMN è più pulito di quello del capoluogo ladrone, ma anche dalle nostre parti non mancano sia fogne dirette “autorizzate” sul Nestore, quelli comunali, che quelli di vecchi padroncini terrieri che scaricano direttamente sul fiume la merda dei maiali. Una grossa moria di pesci l’anno è d’obbligo nella RPMN.
    Voci di politicanti annunciavano che sarebbe stato costruito un depuratore per le deiezioni umane sul tratto del Nestore a Pieve Caina (già gulag), per eliminare gli scarichi diretti. Ma – e ti giro questa domanda – avanzerà qualche spicciolo dopo Musica per gli Spurghi ed il Premio Nestore?
    P.S.: Certo che le nutrie so ammanicate! Il comune gl’ha promesso posti di lavoro al depuratore in cambio del voto al PD per le prossime amministrative.
    Se conosci qualcuno che lavora alla SIA de Olmeto, il merdaio, sai che le Nutrie channo più materia grigia.

  3. calmo soviet bigo, parlavo proprio della SIA di Olmeto, ma ancora c’è da far luce sulla cosa. PAre che lo scarico non fosse intenzionale ma dovuto ad un guasto. Difficile che sia vero, ma ancora il beneficio del dubbio è necessario. Indagate, o voi della repubblica, indagate…

  4. Indagheremo, indagheremo anche se voci su questa situazione c’erano da anni, pur mancando prove. Sembra infatti che sia prassi, quando la merda che arriva è in esubero, che si scarichi in questa maniera. Se le accuse saranno accertate: Gulag di Pieve Caina per tutti.

  5. In qualità di oriundo delle terre alla frontiera ternana del marscianese mi sento in dovere di segnalare l’avvistamento dello schifoso topone anche nel non più mondo Fersenone.

    Segnalo inoltre, in riferimento al vile roditore, un intervento di pulizia etnica tenutosi col benestare (ad opera?) del guardiacaccia in un laghetto irriguo sotto Compignano, e conclusosi con l’intossicazione e la morte di germani migranti per botulismo (o affine) dovuto all’insudiciamento delle acque da parte delle carcasse di nutrie.

  6. PROPAGANDA SUDISTA!
    A parte gli scherzi, il Soviet non ne era a conoscenza! Indagheremo

  7. tagliuccio Says:

    lo schifo più grande lo fa sempre l’ uomo

  8. Santimanio Says:

    W il professor infettivologo Vezio Benetti

  9. Gilberto Manoel Gontijo Says:

    La carne della Nutria è molto Aprezzata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: